lunedì 18 settembre 2017

Eduardo De Filippo, S’è araputa ‘a fenesta stamattina

L'arte della Commedia



S’è araputa ‘a fenesta stamattina
Una bellissima poesia "postuma" di Eduardo De Filippo.

Nel 1975, "pare" che Eduardo affidò al maestro Roberto De Simone un manoscritto inedito con l'impegno a renderlo pubblico solo dopo la sua scomparsa.


"A Luca farebbe impressione..."

Eduardo sente di dover fare amicizia con la Morte, di doversi preparare.  Un anno prima gli  è stato impiantato uno stimolatore cardiaco e qualcosa è cambiato. La vede gentile, quasi affettuosa nel suo essere concreta, come una nonna che parlando ti prende per mano e ti accompagna.
Questi versi furono dedicati anche a Mons. Donato De Bonis. 




S’è araputa ‘a fenesta stamattina,


'a fenesta s'è araputa, e chi è trasuto, neh?
chi s'è assettata ncopp 'o parapetto
e cu nu pizzo a riso m'ha guardato?
Andivinate! 'A Morte.

Nce voluto tiempo pe' ssapè
ch'era 'a Morte mperzona.
E già, pecchè
nun era cu ll'uocchie scafutate,
cu tutt' 'e diente 'a fora e senza naso,
comme sempe hanno ditto ch'era 'a Morte!

Addo'! Ma quanno maie!...
Era 'na vicchiarella accunciulella.
Me pareva ‘a nonna, Sant'Anna.
Era, gnorsì, na faccia cummigliata
cu 'a pelle sulamente,
ma na pelle d''o culore d''a cera,
chella cera ca serve p''e cannele
ca se trovano ‘o juorno ‘a Cannelora,
e ddoie manelle
ch'erano ammennole ammunnate.

Ve ll'aggio ditto: me pareva Sant'Anna.
M'è venuta a ffa visita e m'ha ditto:

- Guagliunciè...-
Pe' na persona antica comm'a essa
so' tutte guagliuncielle,
viecchie e giovane- -Guagliunciè,
mò ce avimmo 'a vedé spisso,
accussì, a poco'a vota,
ce truvammo gusto, trasimmo in confidenza,
in simpatia,
fino a quanno te piglio sott''o vraccio
e parlanno parlanno te ne viene cu mmico.

-E va bene-
aggio ditto,
Cumme site simpatica!
V'aspetto.

-Quann'è ca te fa comodo,
ca nun te dongo fastidio
e ca te trovo libero
ca putimmo parlà?...

-Sempe meglio ‘e dummeneca".
-E ll'orario?"
- Verso 'e ccinch'e mmèza:
io songo matenante.

-Io- m'ha risposto
e l'è scappat'a rridere,
-tengo troppo che ffa',
nun dormo maje".
-Viat'a vvuie-
e me so' mis'a rridere pur'io.

-Tu pure si' simpatico...
-Grazie del complimento.
-Aspe'... -
m'ha ditto
pe' tramente
se ne scennev'‘a copp''o parapetto,
-che te vulevo dicere,
ca m'è scappat''a mente...
‘O ttengo mpizz''e lengua...

Ah me so' arricurdata.
Quanno vene'a dummeneca,
lass''a fenesta aperta.
Sinò tu chiude...
io arapo...
Sparagnammo fatica.
E se n'è scesa.

Eduardo De Filippo




Traduzione per chi non ha dimestichezza con il napoletano:

Si è aperta la finestra questa mattina,
la finestra si è aperta e chi è entrato?
chi si è seduta  sul davanzale
e con un sorriso mi ha guardato?
Indovinate!  La Morte

Non c'è voluto tempo per capire
Che era la Morte in persona.
Già, perchè
non aveva gli occhi cavi
tutti i denti fuori e  senza naso,
come sempre hanno detto che era la Morte!

No! Non è vero!
Era una vecchietta  carina
Mi sembrava mia nonna, Sant'Anna.
Era, certo, un viso coperto
con la sola pelle
ma la pelle era del colore della cera,
quella cera che serve per le candele
che si vendono il giorno della Candelora,
e due manine
che erano mandorle sgusciate.

Vi ho detto,  mi sembrava Sant'Anna.
E' venuta a farmi visita e mi ha detto:

-Ragazzo-
Per una persona antica come lei
sono tutti ragazzini,
vecchi e giovani- -  Ragazzo,
adesso ci dobbiamo vedere spesso,
cosi, poco per volta,
proviamo gusto, entriamo in confidenza,
 in simpatia,
fino a  quando ti prendo sotto braccio
e parlando parlando vieni con me.

-Va bene-
ho detto.
Come siete simpatica!
Vi aspetto.

-Quando  sei comodo,
che non ti do fastidio
che ti trovo libero
che possiamo parlare?

-Sempre meglio di domenica.
-A che ora?
-Verso le cinque  e trenta
io sono mattiniero.

-Io- mi ha risposto
e le scappa da ridere,
-ho troppo da fare,
non dormo mai.
-Beata voi
e mi son messo a ridere anch'io.

-Anche tu sei simpatico...
-Grazie del complimento.
-Aspetta...-
mi ha detto
e nel frattempo scendeva dal davanzale,
-cosa ti volevo dire,
che mi è passato di mente...
Ce l'ho sulla punta della lingua...

Ah mi sono ricordata.
Quando viene domenica,
lascia la finestra aperta.
Altrimenti tu chiudi...
ed io apro...
Risparmiamo lavoro.
Ed è scesa.

(Traduzione curata da Bruno Esposito)


L'arte della Commedia

Curatore Bruno Esposito

Su Facebook

https://www.facebook.com/EduardoDeFilippoLarteDellaCommedia/